news

News

Come chiedere la sostituzione dell’Amministratore di Sostegno?

Pubblicato il 09/01/2016

sostituzione amministratore di sostegnoUn Amministratore di Sostegno è per sempre? Sì, no, forse…? Molti sono convinti che una volta assunto l’incarico di Amministratore di Sostegno vi sia l’obbligo di mantenerlo per sempre. Non è esattamente così! Anzi, è proprio nella natura dell’amministrazione di sostegno la possibilità che nel corso dell’incarico vi sia la necessità di apportare modifiche al decreto di nomina iniziale, sia per quanto riguarda i poteri dell’AdS che con riferimento al soggetto che ha assunto l’incarico.

 

Come si può richiedere la sostituzione?

Così come per ogni autorizzazione che bisogna richiedere al Giudice Tutelare nello svolgimento dell’incarico (ad es., per procedere alla vendita o all’acquisto di un immobile, all’investimento di somme di denaro, ecc.),

anche per la sostituzione dell’AdS è necessario presentare al Giudice stesso un’apposita istanza.

Tale richiesta dovrà essere adeguatamente motivata ed indicare in maniera puntuale le ragioni del cambiamento, che certamente dovranno essere serie. In ogni caso, infatti, prima di procedere alla nomina di un altro Amministratore, il Giudice Tutelare deve tenere in considerazione i bisogni del beneficiario, al quale deve essere assicurata in ogni caso un’assistenza continua.
Così, ad es., potrà essere richiesta la sostituzione nel caso di dissensi tra il beneficiario e l’AdS nello svolgimento dell’incarico, oppure qualora l’incarico stesso sia divenuto particolarmente gravoso.

 

Chi può presentare l’istanza per la sostituzione dell’Amministratore di Sostegno?

Come abbiamo detto prima, tra i motivi che possono giustificare la sostituzione dell’Amministratore di Sostegno in carica con altro Amministratore vi è quello riguardante il rapporto conflittuale che vi può essere con il beneficiario.
Dunque, tra i legittimati a presentare l’istanza per la sostituzione dell’AdS vi sono sicuramente il beneficiariolo stesso Amministratore.

Inoltre, nel caso in cui l’Amministratore si sia reso responsabile di particolari comportamenti (di questo aspetto ne abbiamo già parlato esaminando le responsabilità dell’Amministratore di Sostegno) o eccedendo i poteri conferitigli dal decreto di nomina, la sostituzione potrà essere promossa su iniziativa del Giudice Tutelare, direttamente o anche a seguito di segnalazione da parte di persone vicine al beneficiario (ad es., parenti o conoscenti) che siano venute a conoscenza di circostanze particolari.

 

Commenti a «Come chiedere la sostituzione dell'Amministratore di Sostegno?»