pubblicazioni

Pubblicazioni

Crisi della famiglia, difesa dei beni privati e d’impresa. Cosa fare?

Pubblicato il 13/07/2015

crisi della famigliaLe separazioni ed i divorzi sono in costante aumento. Ora, poi, con l’introduzione del c.d. divorzio breve, per i coniugi sarà ancora più facile dirsi addio. In questo attuale scenario la gestione della crisi della famiglia richiede competenze sempre più specifiche per la regolamentazione di tutti gli aspetti, anche patrimoniali, che ne sono coinvolti.

Se in Europa il divorzio coincide con lo scioglimento di una “società” (con la firma di veri e propri accordi tra i coniugi, aventi ad oggetto interessi economici e reciproche assegnazioni patrimoniali), anche in Italia sempre più tali questioni rivestono un ruolo centrale nella fase patologica della famiglia.

Come è confermato dalle statistiche,

una separazione o un divorzio non gestiti attentamente possono determinare gravi conseguenze economiche per entrambi i coniugi.

Proprio per evitare il rischio che la crisi della famiglia determini anche il dissolvimento del patrimonio familiare, è necessario avvalersi della consulenza di un professionista per gestire il fallimento della famiglia, anche avvalendosi di particolari strumenti di composizione delle controversie (ndr: spesso sconosciuti a consulenti non specializzati…).

 

Come tutelare il patrimonio in caso di separazione e divorzio?

Spesso quando si parla di tutela del patrimonio familiare si pensa che si tratti di un problema che riguardi solo i patrimoni ingenti e milionari. Niente di più sbagliato!
Un’errata gestione della crisi familiare determina conseguenze molto più gravi proprio sui patrimoni esigui e di modeste dimensioni.

Proprio per questo motivo in tutte le famiglie in crisi è necessario adottare soluzioni che disciplinino tutti gli aspetti ed interessi coinvolti, dall’affidamento dei figli agli assegni di mantenimento, dalla divisione delle proprietà sino all’assegnazione dei beni immobiliari, fino alla stesura di accordi di accordi di separazione e divorzio che tengano conto anche delle implicazioni di natura fiscale.

 

Cosa possiamo fare per voi?

La separazione ed il divorzio sono momenti delicati della crisi familiare e spesso i coniugi non sono in grado di affrontarli con la dovuta serenità.
È per questo che riteniamo fondamentale che la gestione di queste fasi debba partire dalla analisi degli interessi coinvolti, personali e patrimoniali.

In più di un’occasione, poi, proprio dall’esame delle specifiche situazioni abbiamo suggerito l’adozione di soluzioni particolari (ad es., l’istituzione di un trust) per poter gestire situazioni (garantire gli studi dei figli) che difficilmente potrebbero ricevere adeguata tutela con un verbale di separazione ritualmente.

 

Commenti a «Crisi della famiglia, difesa dei beni privati e d'impresa. Cosa fare?»